Con una stampante 3D torna a camminare

Pubblicato: 22 febbraio 2014 in Attualità

Meraviglie della moderna tecnologia. Con una semplice stampante 3D è possibile oggi realizzare un ‘esoscheletro’ personalizzato in grado di far camminare una persona che ha perso l’uso delle gambe. A mettere a punto il prototipo è stata l’azienda statunitense 3D Systems, che ha già testato il dispositivo su dieci ‘piloti collaudatori’.

La prima ad inaugurare il dispositivo, spiega l’azienda, è stata Amanda Boxtel, una donna paralizzata dalla vita in giù dal 1992 a causa di un brutto incidente con gli sci. Per ottenere un supporto perfetto la donna è stata ‘scannerizzata’ da una speciale Stampante tridimensionale, che ha digitalizzato il contorno della spina dorsale e ottenuto un’immagine estremamente dettagliata del corpo di Amanda. Ai vari pezzi stampati sono stati aggiunti poi meccanismi attuatori e altri dispositivi per il controllo sviluppati da un’altra azienda, la Ekso Bionics. Il risultato è stato uno scheletro esterno in grado di far camminare Amanda, anche se sempre con l’uso delle stampelle.  Il  dispositivo è stato presentato a Budapest ieri, durante un evento organizzato dalla locale Università. L’esoscheletro a 3D  si può adattare a qualsiasi grado di funzionalità diminuita delle gambe. Per passare dalle prime immagini allo scanner alle prove su strada, sono bastati appena 3 mesi.

Amanda Broxtel, una bella ragazza australiana, oggi ha 45 anni di età, ebbe il 27 febbraio 1992 un gravissimo incidente sulle piste nevose del Colorado. Una lesione midollare  la paralizzò per sempre. Ma la donna non si  arrese e tentò con ogni mezzo di riacquistare l’uso delle gambe. Già un paio d’anni fa, nel 2011, aveva testato un altro esoscheletro, una sorta  di robot esterno che permette di usare gli arti inferiori. Ma il modello disegnato da una stampante 3D  ha permesso risultati enormemente superiori. E con costi decisamente inferiori.

Le potenzialità delle stampanti 3D  nel campo delle protesi sono molteplici.  Poco tempo fa un’azienda americana ha presentato un braccio artificiale da appena 100 dollari.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...