Perchè Zuckerberg ha acquistato Whatapps

Pubblicato: 20 febbraio 2014 in Attualità

Marcello Viaggio – Diciannove miliardi di dollari per acquistare Whatsapp. Dopo gli annunci ufficiali, ecco i dettagli del clamoroso colpo di Zuckerberg. Un colpo da maestro. E tenuto segreto fino all’ultimo.  Zuckerberg in persona ha spiegato al Wall Street Journal di aver discusso l’accordo con Jan Koum solo 11 giorni fa. Era una domenica mattina, ha precisato: “Conosco Jan da molti anni, abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto”. Ma perchè Zuckerberg ha comprato Whatsapp? Quattordici miliardi di euro, o 19 miliardi di dollari, fate voi,  sono una cifra astronomica.  Nick Bilton ad esempio, giornalista del New York Times, autore del libro “Inventare Twitter”, ha commentato: “Una cifra del genere è talmente assurda, che fa venire voglia di sorridere”.    Il fatto è che Zuckerberg non è nuovo a colpacci improvvisi.   Basti pensare a Instagram, il social network delle foto, acquistato nel 2012 per un miliardo di dollari.  All’epoca contava 22 milioni di utenti,  oggi dopo l’introduzione del video, Instagram è arrivato a  più di 150 milioni di utenti. Più del doppio della popolazione italiana.

Bisogna catturare l’attimo fuggente, essere molto vigili, ha pensato Zuckerberg. Whatsapp era in rapida crescita, troppo rapida, con il rischio di trovarsela contro entro un paio d’anni. Quindi non si poteva fare a meno di comprarsela. Il punto è che   Fb ha appena 10 anni, ma nel mondo dei  social media un decennio  è come passare dall’età della pietra all’età del ferro.  I giovani e gli adolescenti  vanno di continuo intercettati perchè sono loro soprattutto a contare per Fb.  Così si spiegano i due tentativi di Zuckerberg, per ora falliti, di acquisire Snapchat, il social che spopola fra  gli adolescenti, valutato sul mercato tre miliardi di dollari (16 volte il valore del Washington Post, per dire).

Snapchat è un servizio di messaggistica per smartphone  che permette di inviare messaggini e foto che si “autodistruggono” in pochi secondi. In pratica, appena arriva un messaggio, bisogna toccare un pulsante per visualizzarlo. Quando si stacca il dito,  l’immagine o il messaggio si cancellano. Una cosa così negli ultimi due mesi ha totalizzato 350 milioni di messaggi scambiati. Al giorno, naturalmente.  Zuckerberg per una cosa così ha offerto 4 miliardi. Respinti al mittente.  D’altra parte, quanto può durare Snapchat?  Molto poco.  Zuckerberg invece ha trovato orecchie attente in Jan Koum: e non se l’è lasciato sfuggire. Aveva appunto contante per 4 miliardi.  E ora con Fb, Instagram e Whatsapp può davvero aspirare a connettere il pianeta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...