Dal 17 febbraio “Miao, si gira!”

Pubblicato: 8 febbraio 2014 in Attualità

Dal micione rosso senza nome di “Colazione da Tiffany” agli scatenati “Aristogatti”, dai mici horror di Stephen King, fino al cartoon sexy di Fritz.  Dal 17 febbraio, Giornata nazionale del gatto, fino al 7 aprile è ospitata a Fermo Immagine, museo del manifesto cinematografico di Milano, in via Gluck, la mostra “Miao, si gira!”, che espone 100 manifesti fra foto di scena e locandine di film, con il gatto protagonista.

Ecco allora il raro manifesto di FBI Operazione Gatto (1965) firmatio Disney e con protagonista un Siamese assoldato dall’FBI per risolvere un difficile caso.  Ed ecco i manifesti di due capolavori

Colazione da Tiffany

come  l’inquietante L’occhio del gatto (1985, tratto da un romanzo di Stephen King) e la commedia Il gatto (1977, di Luigi Comencini con due strepitosi Ugo Tognazzi e Mariangela Melato). Non è propriamente una gatta, ma poco ci manca, la sexy protagonista che campeggia sul manifesto del film Catwoman (2004), dove Halle Berry interpreta l’acerrima nemica-amica di Batman che torna in vita grazie ai poteri di un gatto.

Gatti horror ce ne sono molti nella storia del cinema, e a loro viene dedicata una piccola sezione a parte con tenebrosi ma bellissimi manifesti di film come I delitti del gatto nero (1990), La tomba di Ligeia (1964), Black Cat – Gatto nero di Lucio Fulci (1981), Artigli di Denis Heroux (1977), Il gatto a nove code (1971) del maestro del brivido italiano, Dario Argento.

Hale Berry in Catwoman

Grande spazio è dedicato anche ai cartoni animati: dai mitici Aristogatti (1970) della Disney ai lungometraggi della Warner con protagonisti gatti famosissimi come Silvestro e Tom, con titoli divertenti come Il topo è mio e lo mangio quando mi pare e Silvestro Gatto Maldestro.  C’è perfino un gatto contestatore e porcellone come Fritz, protagonista sconcio e sboccato di quel film a cartoni animati, Fritz il Gatto (1972), che negli anni Settanta venne perfino censurato per via di certe cene osè.

I mici in alcuni film compaiono solo fuggevolmente restando però impressi nella memoria del pubblico, come testimonia il gatto rosso senza nome che viene coccolato sotto la pioggia da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany (1961),  guadagnandosi   l’onore del manifesto accoccolato sulla spalla dell’attrice!

De Niro e l’amatissimo Sfigatto

Alien

E che dire dell’antipaticissimo Sfigatto di Ti presento i miei (2000), che è finito per diventare una vera e propria star su facebook.   E chi non ricorda che alla fin fine è proprio un gatto ad aiutare Sigourney Weaver a sgominareo il terribile mostro di Alien (1979), capolavoro di Ridley Scott?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...