Boom della cocaina, spopola il Dream Flower

Pubblicato: 26 dicembre 2013 in Attualità

Marcello Viaggio – E’  boom della cocaina in tutta Italia. Il mese di novembre appena passato, infatti,  registra nel Bel Paese sequestri-record  di polvere bianca per  oltre 1.200 Kg. Il vertice della poco onorevole classifica spetta a Trento, dove sono stati requisiti 557, 700 Kg.  Un dato vertiginoso che corrisponde a circa la metà dei sequestri di cocaina (1.214, 750 Kg)  in Italia. Seguono Cagliari (200 Kg), Savona (159), Napoli (58). I dati, ancora inediti, che NoiRoma2013 pubblica in anteprima, sono della Direzione anti-droga del Viminale.

Numeri da Guinness dei primati anche per i sequestri di marijuana. In  graduatoria ancora una volta stacca tutti il tacco dello Stivale,  la provincia di Lecce,  con 987, 731 Kg. In Italia a novembre sono stati scovati  e requisiti circa 2.700 Kg di cannabis: 1.914 di marijuana, 730 di hashish. Il quadro non è dei più rassicuranti, insomma. La droga che circola al consumo, infatti, secondo gli esperti è pari a circa 10 volte le quantità sequestrate. E sulla piazza il prezzo della cocaina è di 80 euro a grammo.

Ma  il mercato illegale non è solo cocaina e cannabis. La frontiera dello sballo in Italia si chiama Dream Flower, la pianta con alcaloidi simili all’Lsd.   A Roma, a quanto risulta a NoiRoma2013,  il nuovo allucinogeno  tocca punte record del 70%  di consumi  fra le droghe leggere.  Ben 120 siti internet, denuncia l’Osservatorio anti-droga dell’Ue, mettono in commercio on-line nel  Vecchio Continente droghe sintetiche e  semi di piante orientali. Siti tutti alla luce del sole, con server localizzati nei paradisi della droga, dov’è possibile acquistare rapidamente di tutto.

Il nome – Dream Flower – sembra tratto dai romanzi rosa. Si tratta di una varietà di piante tropicali dal nome esotico – ‘Morning Glory’, ‘Hawaian Baby’’ – che contengono alcaloidi simili all’Lsd. I semi sono ufficialmente venduti per essere piantati e non ingeriti. Sulla confezione della Hawaian Baby si legge che “germoglierà una bellissima pianta dai fiori bianchi e blu”. Ma sotto, c’è scritto in piccolo: “Se ingeriti, i semi possono provocare allucinazioni”.  Fra gli alcaloidi contenuti nella pianta c’è l’ammide dell’acido lisergico, in sigla Lsa. Una droga a tutti gli effetti. Con l’alcol, l’effetto può essere devastante.

Sono semi facili da trovare su internet, facili da acquistare con Pay Pal. Le bustine provengono da Spagna, Olanda, Nepal. La merce arriva a casa in due giorni, in un pacchetto del tutto anonimo, grande non più di 10 cm. E in barba a qualsiasi controllo della Polizia postale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...