Roma capitale della cocaina, al Sud fioriscono le piantagioni

Pubblicato: 13 dicembre 2013 in Attualità
Tag:

La mappa dei consumi copre tutto il Belpaese da Bolzano alla Sicilia, ma varia molto a seconda delle regioni.  Più attratti dalle nuove droghe sintetiche al Nord, più impegnati nella coltivazione della cannabis al Sud. Ma al tirar delle somme, a fare uso di stupefacenti, secondo i dati del Viminale, in Italia sono circa 2,3 milioni di persone.

Cocaina, cannabis, psichedelici. Numeri vertiginosi. Nel porto  di Genova, solo pochi giorni fa, sono stati scovati e sequestrati qualcosa come 283 Kg di cocaina purissima, nascosta in un container carico di banane proveniente da Santo Domingo. Destinata a Roma, avrebbe fruttato 60 milioni. I porti di Genova, Bari e Gioia Tauro, in Italia sono i crocevia via mare dei traffici verso le metropoli. Ma, secondo gli esperti, i sequestri sono un decimo della droga in circolazione. In altre parole, per ogni 5 Kg di cocaina requisita, ne circola  mezzo quintale sul mercato illegale.

Già, ma a quanto ammontano i sequestri?  I dati ancora inediti, che NoiRoma2013 pubblica in anteprima, provengono dal Dipartimento anti-droga del Viminale. E si riferiscono a ottobre 2013.  Ben 1.651 Kg di marijuana risultano sequestrati a Siracusa. Il carico, suddiviso in 65 colli, era stato abbandonato il 22 ottobre dagli scafisti sulla spiaggia  della Baia del Silenzio, durante un blitz notturno dei carabinieri. Siracusa copre da sola oltre la metà dei sequestri di marijuana in Italia (2.338 Kg) nel mese di ottobre. Per  l’altro derivato della cannabis,  l’hashish, a capeggiare la poco lusinghiera classifica sono invece Napoli (321 Kg)  e Torino (269). Per quanto riguarda la cocaina troviamo in testa, ex aequo, Roma  (30, 178 Kg) e Torino (30,877 Kg), che totalizzano  più o meno la metà della ‘polvere bianca’ requisita in Italia (156,491 Kg). A Parma invece spetta il picco dei sequestri di eroina (100 Kg). Tutta la cartina geografica dell’Italia, isnomma, è ben rappresentata.

Altri dati interessanti riguardano le piante di cannabis. Quelle coltivate da contadini di pochi scrupoli  o dai nomadi dietro le roulotte. Ma anche le innumerevoli piantine cresciute in casa da studenti o disoccupati. Un fenomeno che trova proseliti soprattutto al centro-sud. Ne sono state requisite ad ottobre, ben 32.005 a Foggia, 811 a Reggio Calabria, 217 a Rieti.  

La coltivazione-fai-da-te della canapa indiana sta assumendo, invero, dimensioni preoccupanti. Basta un orto, un pezzo di terra abbandonato, il balcone di casa.  I ceppi fioriscono in 2 mesi. Ogni pianta frutta 3mila euro.

Gli ultimi dati del Dipartimento antidroga riguardano le operazioni di polizia. A ottobre per traffico di stupefacenti sono state arrestate 1.971 persone,   altre 676 denunciate a piede libero. Di questi, 852 stranieri, 97 minori. Il picco si  tocca a Roma, con 239 persone finite dietro le sbarre, 45 denunciate. Numeri alti, registrati in un solo mese, che testimoniano i massicci consumi nella capitale.  In tutto il Paese, secondo gli ultimi dati dell’Antidroga,  164 mila persone si sono rivolte a centri specializzati, ma gli esperti calcolano che sono 438 mila i soggetti con dipendenza cronica da sostanze stupefacenti. L’articolo è pubblicato anche su ScelgoNews.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...