C’è chi confessa: “Sono schiavo del sesso…”

Pubblicato: 24 settembre 2013 in Attualità

In America la chiamano “Sex Addiction”, letteralmente dipendenza dal sesso. Dalle 20 alle 30 volte a settimana. Almeno 3-4 rapporti al dì, ad  ogni ora del giorno e della notte.  Al lavoro, nel bagno della palestra, in discoteca, in ascensore, al cinema. Perfino fra un’udienza e l’altra in Tribunale. “Basta, non ce la faccio più!” il grido d’aiuto di qualcuno. Non è un piacere, ma un’ossessione. Una schiavitù. C’è chi si indebita fino al collo per le prostitute. C’è la moglie che scopre disperata di essere cornuta, sì, ma non con una, bensì con altre 15 donne. Altro che Giacomo Casanova!

E’ la  “Sex Addiction”.  La denominazione, dicono gli esperti, scatta quando si oltrepassano stabilmente i 100 rapporti al mese.  Una vera e propria patologia. A scatenarla  narcisismo, livelli ormonali alle stelle, un mondo di perenni fantasie erotiche, ma anche insoddisfazione cronica nei rapporti affettivi con l’altro sesso.  Una vita da marines perennemente  in agguato.  Secche, giunoniche, selvagge o sognatrici, cozze, gnocche, studentesse di liceo, zitelle stagionate. Per i forzati del sesso vanno bene tutte. L’amore, dice il proverbio, non guarda dove si mette.  C’è chi ha la rubrica zeppa di indirizzi e numeri di telefono. Chi in una sola settimana spende mezzo stipendio per le escort.  Infaticabile, anche con la lingua penzoloni.

Alla fine qualcuno dice basta.  Cerca di guarire. Negli States hanno fatto outing personaggi famosi: Michael Douglas, Sharon Stone, Kate Moss, Burt Reynolds. E David Duchovny, interprete della serie tv X-Files. In Italia il centro per gli ultras del sesso ridotti allo stremo  si trova a Roma, esattamente in via Livorno. Si chiama Cedis, Centro di  ricerca e trattamento della dipendenza sessuale. Il primo e unico del genere in Italia. Il Cedis, diretto dallo psichiatra Tonino Cantelmi, è aperto 3 volte a settimana. Si parla,  si fa terapia di gruppo. Spesso viene fuori un rapporto conflittuale con i genitori nell’infanzia. Se serve, si ricorre ai farmaci.

L’obiettivo del centro è aiutare i pazienti a recuperare il controllo. Fisico e soprattutto mentale. Che poi, ammettiamolo, a Roma è tutt’altro che facile. Vai in edicola e trovi riviste con donne semi-nude in copertina. La pubblicità ti sbatte sotto gli occhi femmine dalle forme procaci ad ogni angolo: cartelloni, autobus, cinema, locandine. Cadrebbe in tentazione anche fra’ Savonarola.

L’identikit del sesso-dipendente? Prevalentemente  di sesso maschile (82%), etero-sessuale (64%). Ma non manca una significativa percentuale di gay (18%) e bisex (11%). Sposato nel 40% dei casi, separato nel 22%, divorziato nel 5%, single nel 33%. Età media fra i 30 e i 40 anni.  Quasi tutti hanno alle spalle storie di ordinaria follia.   Un famoso manager, raccontano al Cedis, per anni ai vertici di un’azienda capitolina, interrompeva i consigli d’amministrazione per appartarsi di nascosto con qualche prostituta. Un tale  pretendeva dalla moglie, una brasiliana, giovane, più alta di lui, formosa, rapporti continui, perfino a cena nella toilette del ristorante. Alla fine lei si è stufata, l’ha piantato ed è tornata in Brasile. Un tale, a forza di pagare le escort, è stato costretto a vendere la casa per i debiti.  “C’è addirittura chi ruba di nascosto dalla cassa, chi truffa i clienti, pur di avere i soldi e continuare” dicono al centro di via Livorno.

E le donne? Sono casi più rari, ma ci sono. Una vedova di 40 anni, diventata anorgasmica dopo una lunga serie di delusioni amorose, aveva un bisogno ossessivo di sesso orale, raccontano al Cedis.  A volte, accanto alla Sex Addiction trovano spazio altre forme di dipendenza: negli uomini alcol, gioco d’azzardo, cocaina. Nelle donne bulimia, shopping compulsivo, cleptomania. Con pesanti conseguenze sulla salute: insonnia, crisi di ansia.   Ma mandrilli si nasce o si diventa? Ci può essere una predisposizione genetica. Ma contano anche le condizioni di vita.  Occorre un sacco di denaro, tempo libero, vita sociale brillante.  Ce lo vedete un muratore fare ogni notte  le ore piccole in discoteca o  appartarsi 2-3 volte al giorno dietro il cantiere? E poi con chi? Con un manovale?

commenti
  1. GIUDITTA scrive:

    Adesso mi spiego perchè KateMoss ha il visetto smunto e sofferente…e comunque, sempre meglio la dipendenza da sesso che da alcol e droghe

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...