Premi IgNobel: le 10 ricerche più inutili del mondo

Pubblicato: 15 settembre 2013 in Attualità

Fama e visibilità assicurata  per i vincitori del Premio IgNobel anche quest’anno. L’edizione 2013 del Premio si è svolta in settimana, come di consueto al Sanders Theathre dell’università di Harvard.

Dieci i premiati, come ogni anno. A un team di Gran Bretagna, Olanda e Canada, e’ stata assegnata l’onorificenza per uno studio sul calcolo delle probabilita’, che ha stabilito che “quanto piu’ tempo impiega una mucca a sdraiarsi, tanto e’ piu’ probabile che si alzera’ rapidamente in piedi”. I ricercatori hanno fatto un’altra eccezionale scoperta:  “una volta che la mucca si alza, e’ altamente improbabile prevedere quando si sdraiera’ di nuovo”.  Risate a crepapelle in sala fra il pubblico.  Un team internazionale di giapponesi e tedeschi ha affrontato invece  l’annosa questione del perchè le cipolle fanno piangere, e scoperto che il processo biochimico e’ “ancora piu’ complicato di quanto finora si sia pensato”. Un premio è toccato anche a loro.

Al Presidente bielorusso Alexander Lukashenko è toccato il premio per la Pace per aver reso illegale applaudire in pubblico e alla polizia di stato bielorussa “per aver arrestato un uomo con un solo braccio con l’accusa di aver applaudito”.   Quello in Biologia e Astronomia e’ andato invece a un’equipe di ricercatori di Svezia, Australia, Germania e  Gran Bretagna,  i quali hanno scoperto che quando gli scarabei perdono la strada riescono a tornare a casa semplicemente guardando la Via Lattea.

La cerimonia si e’ conclusa con la presentazione in anteprima assoluta dell’arnese di Blonsky: un congegno per aiutare le donne a partorire. La partoriente va legata su un tavolo circolare, che viene fatto poi ruotare velocemente, in pratica per sfruttare la forza centrifuga…

I Premi IgNobel sono stati istituiti nel 1991 da Marc Abrahams, editore della rivista “Annali di ricerche improbabili”, allo scopo di “onorare studi che prima hanno fatto ridere e poi pensare”.  Il nome IgNobel è un gioco di parole fra Premio Nobel e ignobile.  I vincitori sono solitamente scienziati, che hanno condotto le più assurde ricerche. Tuttavia, sono selezionati in base ad articoli pubblicati anche su riviste scientifiche autorevoli.   Nel 2007 il premio per la Medicina fu assegnato ad uno studio sugli “effetti collaterali dell’ingoiare spade”, scritto dal radiologo inglese Brian Witcombe e dallo statunitense Dan Meyer. Il premio IgNobel per la Letteratura nel 2008 andò invece alla dottoressa Mara Sidoli , per la sua ricerca sull’ “Emissione di peti come forma di difesa contro timori inesprimibili”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...