Roma e il Malocchio/ Giggi Zanazzo e li zompi de rana

Pubblicato: 24 novembre 2012 in Cultura

Gli antichi Romani  inchiodavano sulla porta una barba di lupo per tenere lontane le disgrazie. Ma nei secoli successivi credenze e superstizioni salirono ancora più alle stelle. Molti i rimedi sicuri tramandati a Roma dalla tradizione popolare contro il malocchio. Alcuni descritti dal poeta e novelliere  Giggi Zanazzo, nato e vissuto a Trastevere a cavallo fra ‘800 e ‘900. Si credeva che  alle persone troppo lodate dovesse accadere qualche disgrazia.  “Pe’ gguarì’ da ’sta fattura che sse chiama occhiaticcio, oppuramente invidia, ecco u’ rimedio sicuro sicuro – scrive Zanazzo – Pijate dodici ranocchie vive, mettetele drento una marmitta de ferro sbattuto, co’ drento ttre sgummarelli d’acqua de pozzo, e ffatele allessà’. Allessate che sso’, pijate quell’acqua, passatela in der setaccio, e quanno ve s’è arifreddata fatece li bbagnoli a ll’occhi. Se chiama l’acqua de zzompi de ranocchie. Bisogna sta’  attenti però che l’acqua sii de pozzo si nnó nun fa gnisun effètto”.

Se il rimedio non funziona, eccone un altro. “Contro er malocchio o occhiaticcio che sii, bbisogna portà’ addosso la mollica der pane, er sale, l’acqua de le sette Bbasiliche e’ llumencristi, o li cornétti de corallo, speciarmente de quelli trovati pe’ strada. E quanno quarchiduno ve fa er malocchio bbisogna dije: «Malocchio nun ce possi, e ttaràntola t’entri in cu…», – e  faje tanto de corna.  Bbisogna puro fa’ li consueti scongiuri quanno quarcuno ve dice : «Come ve séte rimésso bbene! Come state bbianco e rosso che Ddio ve benedichi!!», perchè ppô èsse’ che vve lo dichi per invidia”.

Queste, invece, le regole d’oro per tenere lontano i guai quando si sta a tavola: “Nun se deveno fa’ le croce co’ li cortelli o cco’ le posate, si nnó uno se fa ccattivo ugurio. Nun se deve sverzà’ er sale, perchè porta disgrazia, e quanno uno môre è ccondannato pe’ ssette anni in purgatorio, a riccoje quer sale granèllo pe’ granèllo. A ttavola nun bisogna mai metteccese a mmagnà’ in 13, artrimenti drento l’anno, er più piccolo che ccià mmagnato, môre”.

Ma contro la jettatura e le fatture i consigli sono tanti, perchè la jella è lì, sempre dietro l’angolo. “Ammalapena uscite da casa la mmatina, che vvedete pe’ pprima cosa un prete, ttutti l’affari v’anneranno a ffaciòlo. Si ppoi incontrate un gobbo, allora state alegri, ché la ggiornata incomincia bbene. Ar gobbo cercate de strufinàvvece addosso; a la gobba sputàtejece appresso. Sibbè’ cche dda noi pe’ scongiurà la jettatura ciavemo u’ rimedio che ffa mmejo: un’attastatina ar… vivo!” strizza l’occhio Zanazzo.

                                            

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...