Sicilia, in testa Crocetta, boom di Grillo a Palermo

Pubblicato: 29 ottobre 2012 in Attualità

Elezioni in Sicilia. Vince il partito dell’astensione.  Scrutinate 3.409  sezioni su 5.308. In testa è  Crocetta (31,1) su Musumeci (24,9). Boom di Grillo. Il M5S primo partito in Sicilia.

I primi exit-poll rilevati dal sito PalermoReport. it, relativi a 1.250 dichiarazioni di voto all’uscita dei seggi, a Palermo davano  in testa Giancarlo Cancelleri, il candidato alla presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle.  Cancelleri, secondo PalermoReport.it, era ben 4 punti percentuali in più rispetto al candidato del Pdl Nello Musumeci,   fermo al 23,35%; e 6 punti in più rispetto al candidato Rosario Crocetta, di Pd e Udc, al 21,40%. Ora invece, stando a questi  primi dati reali, Cancelleri è attestato  al 18,5%. Il Movimento 5 Stelle, al momento, è il primo partito in Sicilia, con il 15,20% delle preferenze, seguito da Pd (13,50%) e Pdl (12,20%). Dopo l’esito del voto in Sicilia i bookmaker esteri rivendono  le previsioni per il Movimento 5 Stelle, dato ora fra il 15% e il 20% alle Politiche. Si infittiscono le voci sulle possibili dimissioni di Alfano. Il segretario del Pdl terrà una conferenza stampa alle h 18,30 in via dell’Umiltà.

In Sicilia, dati ufficiali, ha votato solo il 47, 4%, ha trionfato l’astensionismo.

Il sistema elettorale siciliano garantisce la vittoria al candidato che ha preso più voti, con un premio di maggioranza di soli 9 seggi. In questo quadro di frammentazione nessuno arriverà alla maggioranza di 46 seggi in consiglio. Per l’isola si profila una situazione di governabilità molto incerta. 

commenti
  1. costanza A.de R scrive:

    Povera Sicilia! Ha perso un treno che forse non passerà più. Un treno che l’avrebbe fatta uscire da una situazione disastra combinata in buona parte dalla pessiama amministrazione Lombardo. Un governatore eletto con i voti del centro destra e che, durante il suo mandato, ha cambiato più volte colore, ma non èstato solo questo il guaio. I peggiori sono stati il mal utilizzo dei fondi. Fondi che Lombardo teneva stretti, usati la maggior parte per la sua Catania, per fondazioni e associazioni il più delle volte inesistenti. Chiuso nel suo bunker parlava e vedeva solo i più stretti collaboratori. Ha assunto una tale marea di consulenti che forse neanche lui sa più il numero esatto, gli ultimi 2 poche ore prima dello scrutinio!!
    Un governatore che nell’ombra ha anche pilotato le elezioni, con accordi più o meno segreti con Crocetta e Miccichè per continuare a governare anche se non apertamente. La candidatura del figlio, che sicuramente sarà un nuovo assessore, gli sarà molto utile! Adesso tocca a Crocetta. Quante cambiali dovrà pagare? Quanti favori dovrà restituire? Domande che presto avranno una risposta. Se effettivamente lui non vuole fare alleanze con nessuno, come troverà i numeri per governare? Quello che sicuramente funzionerà sarà l’opposizione, capeggiata da Musumeci: avranno i numeri per controllare tutto e avranno la possibilità di riabilitarsi per la non lontana prossima campagna elettorale!
    Da tre quarti siciliana, auguro a Crocetta un buon lavoro per il bene della mia Sicilia, non critico niente, aspetto di veder mantenute le promesse che ha fatto in campagna elettorale……

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...