Nuovo Luneur, il taglio del nastro fra 8 mesi

Pubblicato: 9 settembre 2012 in Attualità
Tag:

ESCLUSIVA

MARCELLO VIAGGIO – Il via ai lavori? E’ imminente. si aspetta solo l’ultimo ok della soprintendenza comunale, che dovrebbe arrivare a giorni. Poi scatterà il count down. I tempi sono stretti: otto mesi per l’allestimento degli stand e degli spazi verdi, l’apertura al pubblico per maggio-giugno 2013. E’ quanto assicura Pier Luigi Borghini, dal 2009 presidente di Eur Spa, l’ente proprietario dei 68mila metri quadri dell’area.

Le Montagne russe, la grande ruota panoramica, l’antro della strega, il tirassegno. Il Luneur, aperto nel lontano 1953, ha accompagnato i sogni e gli svaghi di mezza Roma per decenni. Poi, all’improvviso, puff, tutto finito. Il Lunapark ha chiuso i battenti. Era il 2008. In questi cinque, lunghi anni, del Luneur se n’è parlato forse più di quando era aperto e accoglieva migliaia di visitatori al giorno. Una lunga contesa giudiziaria, il Tar, i vecchi giostrai.

Ma alla fine si comincia a vedere la luce in fondo al tunnel, il 2013 pare proprio che sarà l’anno della rinascita.

“Siamo in dirittura d’arrivo” assicura Pier Luigi Borghini: “Mancano solo i permessi della soprintendenza, abbiamo già consegnato la DIA, dichiarazione di inizio lavori. Tutto è pronto, dovremmo iniziare a giorni e finire in 8 mesi”.

Con l’inizio della prossima stagione estiva, quindi, il Luneur riaprirà i cancelli?

“Assolutamente sì”.

In questi 5 anni si è sentito dire di tutto. Che tipo di luna park sarà? “Sarà rivolto soprattutto alle famiglie, con 34 stand di divertimenti destinati essenzialmente a bambini da due a dodici anni”.

Ma la mitica ruota gigante, quella che ha accompagnato generazioni di romani? “Quella resterà, ci mancherebbe. E’ il simbolo del Luneur. Ma ci saranno nuovi giochi modernissimi, di ultima generazione. E non mancherà il trenino, quello delle miniere, che porterà in giro i bambini per tutto il luna park. Per finire, troverà spazio anche un teatro permanente con una tensostruttura. Ovviamente dedicato ai ragazzi. Divertimenti per tutti, insomma”.

Famiglie, bambini piccoli… e la sicurezza? “Il nuovo Luneur sarà dotato di un sistema di alta sorveglianza, capace di scongiurare ogni genere di rischio. Si potrà entrare con un abbonamento mensile o un biglietto giornaliero, ma, anche se a basso costo, l’ingresso sarà comunque a pagamento. In questo modo contiamo di scoraggiare l’accesso a persone indesiderate o attaccabrighe”.

I numeri di Eur Spa sono tutti in attivo. Quanto le ha giovato la sua esperienza di imprenditore? “Senza dubbio tanto, mi ha dato la concretezza necessaria nel fare le cose. Abbiamo chiuso il bilancio del 2011 con 8 milioni di attivo. Quello di quest’anno viaggia sui 6 milioni, nonostante il 2012 sia un anno di sofferenza per tutti. Se pensa che il nostro fatturato è di 40 milioni, avere il 15% netto di attivo non è male”.

Annunci
commenti
  1. Fabrizio.'.Buzi ha detto:

    Ovunque si parli della riapertura non viene descritto il criterio di fruibilita’ che verra’ adottato: il declino del parco si e’ fatto sentire quando venne presa la decisione di creare una zona con ingresso unico con biglietto individuale. Il luneur (io ci sono cresciuto, essendo della zona) era un luogo dove anche solo andare a fare una passeggiata era magico, poi tanto un giro in gistra scappava sempre. La nuova gestione cosa prevedera’?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...