Intervista al segretario regionale Uil Scardaone

Pubblicato: 11 agosto 2012 in Attualità, Politica

       MARCELLO VIAGGIO –  E’ la crisi, bellezza!  E si tocca con mano. Quest’estate, secondo le stime di Federconsumatori, niente vacanze per 6 romani su 10, 1 milione 800mila persone. Altro che paesi esotici. Tutt’al più Torvajanica la domenica. Gli artigiani che nella capitale resteranno aperti in agosto, invece, sono aumentati del 20 per cento: “C’è stato nel primo semestre 2012 un calo del 35-40 per cento dei fatturato, molte imprese in questo modo tenteranno di limitare i danni” afferma la Cna, confederazione  nazionale artigianato.   Alla comunità di Sant’Egidio, invece, dall’inizio dell’anno hanno distribuito 180mila indumenti, un numero record.  I beneficiari? Anziani, separati in casa, gente che dopo 15-20 anni improvvisamente ha perso il lavoro.

Una situazione drammatica.

Ma per il segretario regionale della Uil  di Roma e del Lazio, Luigi Scardaone, il livello di povertà, se non si corre ai ripari,  è destinato a crescere ulteriormente. “Purtroppo certe battaglie, come spesso già in passato, le stiamo conducendo in splendida solitudine. Vorremmo capire, ad esempio, come verrà risanato il buco che l’Inpdap sta portando dentro l’Inps. I soldi accantonati dai lavoratori potrebbero essere pesantemente defalcati da questa voragine. In futuro ci saranno sempre meno risorse per le pensioni. Ma anche per i  dipendenti pubblici”.

Potrebbe darsi, insomma, che un impiegato alla fine del turno se ne vada a mangiare alla Caritas…

“Ma di questi casi ce ne sono già moltissimi. Sono in   difficoltà anche coloro che si separano o divorziano. Inutile nasconderlo, con il monoreddito non si campa più. Quanto agli anziani, basta fare un giro per Roma. Da mezzogiorno in poi vedi  i pensionati nei mercati rionali raccogliere dai cesti le mezze pesche buttate dai fruttaroli. La cosiddetta frutta “puncicata”. Ormai non ci vanno più  solo i rom a rovistare nei cassonetti dell’immondizia!”.

       Quest’anno i romani pagheranno per la Tari 20 milioni in più. L’Imu  per la prima casa, invece, ammonta nella capitale in media a 170 euro, il doppio (102%) della media nazionale, che è di 84 euro. E parliamo  di acconto. Un’autentica stangata….

“Noi vorremmo che il Comune riflettesse sui numeri, su questi numeri. Come sindacati avevamo firmato un  protocollo d’intesa col  Campidoglio che prevedeva  di accantonare 32 milioni di tariffe agevolate per la casa a favore di cassintegrati e dipendenti in mobilità.  Lo stesso, 16 milioni,  per la Tari, ossia l’imposta sulla nettezza urbana. Ora invece in Comune, con un colpo di mano, gli aiuti sono stati dirottati  esclusivamente sulla scorta del quoziente familiare. Per cui potrebbe succedere che un ricco con 8 figli alla fine spenda di Tari meno di un cassintegrato  con un figlio solo….”

In Comune la sessione di bilancio è slittata a settembre. Ma il sindaco Gianni Alemanno ha detto chiaramente che  per la mancata vendita di Acea il bilancio è sotto di 200 milioni, occorrerà tagliare sulla manutenzione stradale, le opere pubbliche, i servizi sociali. Ma l’uomo della strada si chiede: e  le auto blu? I mega-stipendi, i mega-staff dei manager delle aziende?

“La Uil e stata spesso accusata di qualunquismo, ma siamo stati i primi a  sollevare il problema dei costi della politica. Basti pensare allo  scandalo della Commissione per le Olimpiadi di Roma 2020 in Regione. A noi risulta che sta ancora in piedi, che devono prima trovare una poltrona di ricambio per alcuni membri della commissione.  Il Comune di Roma soffre degli stessi problemi. Essere passati per le auto blu dall’Alfetta alla Punto, ad esempio, non significa risparmio. Il vero problema è l’uso che assessori e dirigenti fanno di quelle auto”.

Francesco Storace dice che devono andare tutti a piedi.  “Storace ha ragione. Gli assessori si facciano l’abbonamento all’Atac, così vedranno direttamente i problemi del traffico, i bus che non passano, i guasti della metropolitana. Come i comuni mortali che loro amministrano”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...